RSS

Archivi tag: croccantini

IL MOSTRO SOTTO IL LETTO

IL MOSTRO SOTTO IL LETTO

Raffaello aveva vent’anni.

Raffaello aveva lasciato gli studi perché non aveva mai avuto troppa voglia di studiare e di andare a scuola e così adesso lavorava: lavori saltuari e malpagati, ma che gli avevano consentito di andare a vivere da solo, di avere la propria indipendenza.

Il problema era stato quello di trovare un appartamento, anche piccolo, anche solo un monolocale, adatto alla cifra che lui poteva permettersi: fino ad allora gli appartamenti che aveva visto costavano, in affitto, più di quanto lui guadagnasse in un mese facendo il fattorino interno in una multinazionale, di giorno e consegnando pizze a domicilio di sera.

Poi trovò quell’occasione insperata: addirittura un trilocale più servizi a trecento euro al mese spese e riscaldamento compresi!

Forse il prezzo così basso avrebbe dovuto insospettirlo,  ma a vent’anni si è ingenui e ci si fa trascinare dagli entusiasmi e così firmò il contratto di getto, prima che ci ripensassero e si accorgessero che avevano, probabilmente, dimenticato un uno davanti alla cifra richiesta.

C’erano, perfino, alcuni mobili compresi nel prezzo: una cucina, modesta ma pulita in formica anni ‘70 con tavolo e quattro sedie scompagnate ma stabili, un mobiletto in bagno per gli asciugamani e i saponi vari per l’igiene personale; in sala c’erano un divano letto un po’ sbiadito e una poltrona rivolta verso un vecchio televisore a tubo catodico e in quella che si era scelta come camera da letto, c’era un letto alla francese, da una piazza e mezza, un comò e un guardaroba, oltre ad un tavolinetto da usare come comodino.

L’ultima stanza era totalmente vuota, ma tanto per lui era superflua, visto che non aveva figli, non aveva intenzione di averne, almeno in tempi brevi e non aveva ospiti da ricevere.

Forse col tempo avrebbe potuto magari arredarla e subaffittarla per fare qualche euro in più, o forse no, perché la propria libertà e indipendenza non hanno né prezzo, né compenso.

Appena trasferite le sue cose, libri, vestiti, lo stereo e i cd, la consolle coi videogiochi, girò la casa per vedere se tutto era in ordine: finalmente era venuto anche a lui il sospetto che sotto, sotto ci fosse una fregatura, ma la caldaia – scaldabagno funzionava bene, così come l’impianto idraulico ed elettrico ed erano anche a norma e infine non c’erano vicini rumorosi o pericolosi, quindi tanto meglio. Adesso che respirava l’indipendenza, un poco gli mancava casa sua, la cucina e le pulizie domestiche di mamma, ma in venti minuti avrebbe potuto essere là e magari auto – invitarsi a cena dai suoi.

Comunque fosse erano più i vantaggi della vita indipendente che non gli svantaggi.

Certo, a volte quando stava con i suoi, avrebbe avuto le occasioni per avventure galanti o decisamente piccanti: adesso, come sempre accade, aveva il modo, ma gli mancava il materiale principale.

C’è da dire che rispetto ai suoi coetanei Raffaello amava più leggere libri che non guardare la televisione o dedicarsi ai videogiochi, che pure aveva, così già dalla prima sera si mise seduto a letto con un libro e una pizza ancora tiepida portata a casa da dove lavorava: neppure gliela avevano fatta pagare.

Sdraiato in mutande tirò un lungo respiro, era quello dalla libertà, poi iniziò a leggere, fino a che non sentì un sordo brontolio provenire da un luogo che pareva essere sotto il suo letto.

Ecco, ci siamo – pensò – ecco la fregatura: tubature rumorose, magari vicini che vanno al cesso di continuo, anche di notte”.

Altro respiro, ripose il libro a pagine in giù, appoggiò la pizza che stava mangiando con le mani, se le pulì dall’unto in un fazzoletto e si affacciò al bordo del letto, quindi alzò la coperta e guardò sotto a questo, giusto per controllare che non ci fossero macchie d’umido o addirittura perdite d’acqua. Dopo qualche istante gli occhi si abituarono al buio, visto che lui non possedeva una pila, ed allora vide…

Vide due occhi gialli che lo guardavano; balzò all’indietro, facendo cadere il romanzo di Stephen King dalla parte opposta del letto, fra questo e il muro; si stropicciò gli occhi in un buffo gesto infantile, quasi a scacciare un brutto sogno: non è possibile, pensava, sarà qualcosa di fosforescente, i mostri sotto il letto esistono solo fino ai cinque anni di età, dopo non ci credi più e spariscono.

Si sporse ancora con cautela e guardò di nuovo sotto il letto: la cosa era là, ringhiava in modo preoccupante, lo guardava con quegli occhi gialli e gli mostrava denti lunghi e poco tranquillizzanti.

D’istinto Raffaello allungò una mano dietro di sé, prese ciò che restava della pizza ai funghi e prosciutto e la lanciò al mostro; questi sembrò gradire, in quattro morsi divorò la pizza e poi si ritirò nell’angolo più buio sotto il letto e il suo ringhio si trasformò in un quieto ronfare: si era addormentato.

Adesso Raffaello, di logica, avrebbe dovuto lasciare quella casa e di corsa e senza voltarsi indietro, ma aveva pagato, con sacrificio, sei mesi di affitto anticipato, non aveva più il becco di un risparmio e un altro appartamento non avrebbe potuto permetterselo.

Poteva, è vero, ritornare a casa dai suoi genitori, ma dicendo cosa? “Sai, mamma, nella casa dove stavo c’era un mostro sotto il letto”.

Di certo la madre avrebbe concluso che da quando era andato a vivere da solo aveva iniziato a drogarsi e in modo pesante.

Decise di non dormire, di stare pronto a scappare, anzi si infilò sopra i boxer un paio di pantaloni da tuta, giusto per non trovarsi in strada con le chiappe al vento, o quasi, ma poi il sonno vinse la battaglia e, paura o no, si addormentò.

Si svegliò col chiarore dell’alba prima che suonasse la sveglia per recarsi al lavoro, diede rapido un’occhiata sotto il letto e nel buio non vide la cosa, ma la sentì ronfare come un gattino domestico che fa le fusa.

La sera, tornando a casa e prima di andare al pizza express, passò da un discount e prese una confezione gigante di crocchette per cani e dei piatti di plastica. Arrivato a casa riempì uno dei piatti usa e getta di croccantini, poi si chinò a guardare sotto il letto: il mostro era là coi suoi grandi occhi gialli spalancati, brontolava.

Buono che arriva la pappa” gli disse Raffaello e spinse il piatto verso di lui; in un attimo, qualunque cosa fosse quell’essere, ingoiò cibo e piatto.

Visto che brontolava ancora, Raffaello gli propinò una nuova razione e questa volta il mostro del letto si chetò e si addormentò; il ragazzo realizzò che avrebbe dovuto portare dalla pizzeria dei doggy bag o quello lo avrebbe mandato in rovina, del resto pochi possono dire di avere come animale domestico un mostro che vive sotto il letto.

Quando tornò dal lavoro serale tutto era tranquillo, la bestia faceva le sue fusa da sonno e il ragazzo mise in un’anta della cucina la borsa piena di bordi di pizza avanzati, si spogliò, andò in bagno e poi a letto col suo libro recuperato da dietro il letto.

Già, il bagno: chissà dove quella cosa espletava le proprie funzioni fisiologiche, ma forse un essere semi – fantastico ha un metabolismo diverso dagli animali e non espelle nulla, assimila tutto, anche la plastica dei piatti.

Avevano trovato quella sorta di patto fra di loro, quella strana convivenza, il mostro non pareva pericoloso, almeno fino a che lo si nutriva, del resto anche le bestie più feroci riconoscono chi le sfama; adesso il mostro non ringhiava nemmeno più quando lui si chinava a controllarlo.

Raffaello avrebbe voluto spostare il letto, vedere come era fatto in realtà, ma decise che era meglio non sfidare troppo la fortuna.

Poi un giorno il giovane conobbe una ragazza: non che si fosse innamorato, ma lei si lasciava fare un po’ di tutto, era una facile e non si tratteneva dal prendere l’iniziativa; fu lei a proporgli di andare a casa sua per fare le cose con più privacy e completezza.

Raffaello nicchiava: era prudente invitare estranei col mostro sotto il letto? Ma i sensi, e non solo quelli, pulsavano forte come solo a vent’anni succede, così invitò Daria a consumare un rapporto completo nella sua alcova.

Fu una notte incredibile e Raffaello si dimenticò perfino del mostro, anche di nutrirlo.

Al mattino si svegliarono entrambi con la luce del sole, si scambiarono qualche effusione, poche a dire il vero, perché al mattino nessuno è mai molto gradevole alla vista né profumato, poi lei si alzò e cominciò a vestirsi, almeno fino a che non si rese conto che non trovava una scarpa: “Sarà finita sotto il letto, esclamò e si chinò per cercarla”.

Raffaello avrebbe voluto anticiparla, chinarsi lui a cercare sotto il letto, ma non fece in tempo. Daria alzò il bordo della coperta e lanciò un urlo: “c-cos’è qq-quella cosa?” e poi fu presa da una crisi isterica e iniziò a strillare; Raffaello cercò di tapparle la bocca: l’avrebbero sentita, avrebbero scoperto il mostro, avrebbe perso la sua casa e la sua indipendenza, ma lei si strappò dalle labbra la sua mano, lo morse e riprese a strillare, allora lui, non sapendo più come farla stare zitta, la spinse sotto i letto: lei smise subito di strillare e dopo poco il mostro cominciò a ronfare.

Il pericolo era scampato, ma Raffaello non avrebbe più potuto portare ragazze a casa. Presto, probabilmente, avrebbe comperato un’auto usata, magari coi sedili reclinabili.

Riguardo al mostro, quello non era un problema, i mostri sotto il letto non sono mai un problema, basta non scordarsi di dargli da mangiare pizza e croccantini.

 
1 Commento

Pubblicato da su luglio 5, 2017 in Racconti

 

Tag: , , , , , ,