RSS

Archivi tag: corruzione

NON PUOI VIVERE PER SEMPRE

NON PUOI VIVERE PER SEMPRE

 

Quell’uomo era comparso praticamente dal nulla e all’improvviso.

Alcune speculazioni economiche azzeccate, più per fortuna che per vera abilità, anche se lui si riteneva un genio della finanza (lui, a dire il vero, si riteneva un genio in tutto), poi l’acquisto di una catena di giornali, di alcuni supermercati, ai quali aveva subito cambiato il nome dandogli il proprio, non fosse altro che per vederlo là, illuminato ed enorme risplendere in alto, sopra la misera umanità alla quale lui riteneva di non appartenere, e poi ancora alberghi, terreni, interi condomini, fino ad aver costruito un impero tale da portarlo ai vertici economici del Paese.

Gran parte dei suoi capitali erano, comunque, dislocati in vari paradisi fiscali, in banche compiacenti in isole sperdute difficili anche da trovare sulle carte geografiche o in minuscole nazioni centro americane e così se poi qualche speculazione andava male venivano licenziati dei dipendenti, venivano chiesti aiuti statali, ma lui, di suo, non rischiava né ci rimetteva mai nulla: i suoi capitali erano ben protetti ed intoccabili.

Questa era stata la carriera di Gianmaria Massironi, che l’aveva portato, alla soglia  dei sessant’anni, ad essere il più ricco e potente fra gli imprenditori, per i quali lui nutriva, comunque, un profondo disprezzo, considerandoli troppo inferiori a lui e per capacità, e per capitali.

Lui era, come si suol dire, arrivato, non gli mancava più nulla, tranne una cosa…

È un po’ quello che capita se si vuol fare un regalo ad un bambino proveniente da una famiglia ricca: ha tutto e non si sa cosa acquistargli.

Anche lui aveva tutto, ciò che gli mancava era il potere, un potere assoluto, che gli desse anche la proprietà del paese e di tutti quegli inutili moscerini che vi vivevano.

A pensarci bene, gli sarebbe piaciuto essere nato nel medioevo, quando i signori come lui, anzi i regnanti, avevano diritto di vita e di morte sui sudditi, utili solo per dare loro ricchezza e potere, e possedevano anche lo “jus primae noctis” su tutte le donne che piacevano loro, indipendentemente dall’età e dal censo.

————————————————————————————————————————————————————————————–

Sandro era un giornalista di quelli che amano andare a fondo alle cose, un idealista, di quelli che amano la verità, tanto più in quanto detestava i sotterfugi, l’ipocrisia, la disonestà.

Sospettava che la carriera fulminante di quell’uomo venuto dal nulla con l’arroganza di chi si crede il migliore di tutti, quello al di sopra delle leggi e delle regole degli uomini comuni, non fosse solo dovuta a fortuna, tantomeno ad abilità, ma che dietro, come

si mormorava da tempo a mezza voce, ci fossero corruzione e protezioni e contatti sospetti con la malavita organizzata: la mafia, tanto per intenderci.

E si sa: vox populi…

Visto che, comunque, lui era un freelance, uno che lavorava in proprio su ciò che gli pareva e poi vendeva i suoi servizi e le sue inchieste ai giornali o alle televisioni che riteneva più seri e indipendenti, si mise ad indagare in silenzio, senza clamore, su quell’uomo; non gli interessavano il gossip, le sue presunte relazioni extra coniugali, l’uso di cocaina, ma i reati, le amicizie e le prevaricazioni attraverso le quali reputava che fosse passato, usandole come trampolino di lancio per costruire il suo impero economico, prima e quello politico, poi.

A dire il vero di chiacchiere, di mezze voci, di scandali esplosi e subito messi a tacere, ce n’erano stati tanti ma, grazie alla potenza dei suoi mezzi d’informazione, grazie a uno stuolo di avvocati forse altrettanto sporchi quanto lui, ne era sempre uscito indenne.

Ora, però, che stava per impadronirsi non solo di gruppi economici, ma del potere sull’intera nazione, che avrebbe manipolato come un bambino modella la plastilina, Sandro si sentiva in dovere di andare a fondo, di trovare non solo gli scheletri, ma anche gli armadi che li tenevano nascosti.

Un bravo giornalista ha contatti, informatori, voci che non devono necessariamente essere confermate in tribunale, dove questi informatori non sarebbero mai entrati a giurare contro quello là.

Il giornalista ha quindi, spesso, più mezzi della legge per arrivare alla verità e così, come una formichina laboriosa, aveva costruito un dossier con le prove di tutte le porcherie perpetrate da quell’uomo pericoloso, soprattutto per il carisma, forse anche invidia, che esercitava sulla massa.

—————————————————————————————————————————————————————————————-

Per Gianmaria Massironi, già dottore per una laurea comperata sottobanco, già commendatore e grand ufficiale per meriti… quali non si sa, forse solo quello di essere ricco, era giunto il momento: grazie alle sue amicizie con la mafia, con una certa frangia di estremisti, felici di riunirsi sotto una sola bandiera, di aver l’occasione di strisciare fuori dalle loro fogne e di dare voce alla loro follia integralista e delinquenziale, stava per arrivare alla prima parte del potere; poi avrebbe cambiato leggi e costituzione, sarebbe diventato definitivamente un intoccabile, il padrone assoluto del paese, ciò che non era riuscito neppure a Cesare o Napoleone.

Certo avrebbe dovuto concedere qualcosa a chi lo sosteneva, fare leggi a favore dei gruppi di potere economico, a favore degli estremisti, della grande malavita, ma questo non andava contro i suoi interessi, anzi…

C’era chi ne avrebbe sofferto: i lavoratori, i pensionati, i malati, gli scolari e gli studenti, ma se loro o chi per loro erano tanto ingenui da votarlo su promesse vane, da credere a una limpidezza che non possedeva, non si meritavano altro.

Peraltro lui non era disposto a riconoscere i suoi reati, i suoi compromessi: per lui tutto ciò che aveva fatto era un normale modo di condurre gli affari, di liberarsi dei concorrenti.

Certo avrebbe contrastato le droghe, perché così favoriva i trafficanti, avrebbe respinto gli immigrati, perché anche quello è un business della grande malavita e più se ne mandano indietro, più ce ne sono che pagheranno una seconda volta il viaggio della speranza.

E poi c’erano gli industriali, generosi sostenitori della sua campagna elettorale, in cambio di denaro statale per diventare sempre più ricchi, mentre la disoccupazione sarebbe aumentata e le pensioni divenute ancor più da fame.

—————————————————————————————————————————————————————————————-

Tutto questo Sandro lo sapeva, ne era angosciato e piano, piano era riuscito ad aprire degli squarci nella cortina di omertà che proteggeva quell’uomo che, come detto, lui odiava: odiava lui, tutto ciò che rappresentava e quella specie di corte dei miracoli, di falliti riciclati, e pertanto fedeli, che lo circondava, lo adulava sperando di raccogliere le briciole che lui seminava per loro, lo osannava usando solo l’insulto come arma di discussione..

Aveva raccolto nel suo dossier documenti, intercettazioni, fotografie con mafiosi o sospetti tali, testimonianze anonime ma, unite a documenti reali, tali da smascherarlo davanti a tutti.

Forse questi documenti non sarebbero stati sufficienti per i suoi ricchi avvocati privi di scrupoli, né per i giudici che aveva più volte corrotto, mentre quelli che avevano tentato qualcosa contro di lui venivano sistematicamente trasferiti e resi, così, inoffensivi,.

Qualcuno moriva di morte violenta, ma in quel caso la colpa era ufficialmente degli islamici, dei terroristi; certo, quando si arriva a certi livelli, non lo si può fare senza sporcarsi le mani, sì sporcarsele anche di sangue, magari non in prima persona: quello lo fanno i boss, non lui, il più grande, il migliore in tutto, il più bravo ed intelligente…

Sarebbero, però bastati ad aprire gli occhi alla gente, abbagliata dal falso splendore di cui si circondava.

————————————————————————————————————————————————————————————-

Forse, a suo modo, però, anche Sandro era un presuntuoso: non gli bastava la vittoria, ma voleva sbattergliela in faccia a quell’uomo che era diventato la sua crociata e la sua ossessione: combatterlo era oramai la sua sola ragione di vita: voleva godere del proprio trionfo e così osò troppo e commise l’errore più madornale della sua vita.

Riuscì ad introdursi, nonostante l’enorme macchina della sicurezza, nella villa del Massironi e, trovatoselo davanti, gli mostrò il suo voluminoso dossier.

Si aspettava, come reazione, avvocati, interventi politici, non il grosso ed antico bastone da passeggio con cui il Massironi lo colpì con violenza al capo: la vista gli si offuscò e fra il velo di sangue vide il suo dossier strappatogli di mano e bruciato, con un sorriso beffardo nel caminetto acceso.

Questa volta le mani se le era sporcate in prima persona e lo aveva fatto con soddisfazione, ma lui non avrebbe mai potuto testimoniarlo.

Sai – gli disse il suo nemico – non puoi vivere per sempre” fu l’ultima cosa in vita sua che Sandro, il giornalista puro, senza macchia e senza paura, vide e udì ma, come ultimo atto della sua vita, riuscì a rispondere: “Non illuderti, neppure tu puoi farlo ad allora tutto ciò che hai non ti seguirà e tutto quello che hai fatto non ti sarà servito a nulla”.

Poi arrivò il secondo colpo, quello definitivo

Gianmaria Massironi rise beffardo: forse credeva veramente che l suo denaro, il suo potere, gli consentissero di dominare anche il tempo.

Una chiamata al telefono e qualcuno arrivò rapido e discreto a rimuovere il cadavere, quell’immondizia che insozzava il suo prezioso tappeto persiano.

L’indomani sarebbe stato il gran giorno, quello dell’investitura ufficiale, il momento per Il dottor, grand ufficiale Gianmaria Massironi di godersi il potere il denaro, tutto ciò che la sua posizione gli avrebbe offerto.

Gianmaria Massironi andò, quindi, a letto soddisfatto, s’addormentò e non si svegliò più: un infarto lo colse nel sonno.

È proprio vero, non si può vivere per sempre, nessuno può farlo.

Le persone si possono corrompere, il tempo e il destino, no.

 

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su luglio 19, 2017 in Racconti

 

Tag: , , , , , ,

GENTE DI RIGUARDO

GENTE DI RIGUARDO

 

Il commissario Barbieri Alessandro, fu Giovanni e Cervi Natalina, era a capo della sezione omicidi della questura di Milano, ma oramai era vicino alla pensione: tre anni, tre soli per scordarsi di sangue, cattiveria e odore di morte.

Tre anni che erano come guardare lo striscione del traguardo di una maratona: lo vedi, ma non arriva mai, perché il tuo passo oramai è lento e stanco.

Eppure si trova ancora un sussulto d’orgoglio per andare avanti, magari cercando anche d’accelerare il passo.

Il commissario non aveva fatto ulteriore carriera oltre quel grado, perché era un tipo scomodo, scorbutico, per certi versi indisciplinato e insofferente dell’autorità.

Però era bravo: secondo le statistiche redatte dal ministero degli interni, lui era uno dei pochi in Italia ad avere una percentuale di risoluzione dei casi del cento per cento.

Forse fortuna, forse abilità ed intuito, forse un po’ di tutto questo, sta di fatto che aveva sempre risolto tutti i casi di omicidio affidatigli.

Se già prima non aveva un carattere facile, dopo la morte della moglie per leucemia, una dipartita straziante e lunga, era ancor più peggiorato, se possibile, senza quella santa donna a tenerlo a freno.

E a dargli amore, cosa di cui anche un poliziotto ha bisogno.

La chiamata non gli arrivò dal centralino, o meglio gli arrivò dal centralino, ma il poliziotto di turno gli diceva di andare nell’ufficio del questore, non sul luogo di un delitto.

Qui, oltre al questore con cui riusciva a scontrarsi settimanalmente, ricevendo minacce di rapporti, di note di biasimo, di licenziamento, che puntualmente rientravano alla risoluzione del caso in corso, trovò addirittura il capo della polizia in persona.

Non gli piaceva, non gli piaceva in tutti i sensi: non gli andava a genio come persona e non gli piaceva il suo aspetto.

Quell’uomo doveva essere gravemente ammalato, lo deduceva dal suo colorito grigio verdastro, dalle borse sotto gli occhi, dalle spalle curve.

Sembrava sua moglie negli ultimi tempi.

Il pensiero e il paragone gli causarono una fitta al cuore.

Comunque quei due non gli andavano a genio: lui serviva la legge, anzi come era solito dire, la giustizia, che è un concetto un po’ diverso, mentre i suoi due superiori erano dei politici e dei politicanti.

No, non gli piacevano e se lo avevano convocato lì non era un buon segno.

Dopo quella al cuore, sentì una fitta al fegato.

C’era stato un omicidio: sai che novità! Lui era il commissario della sezione omicidi, quindi era logico che ci fosse stato un delitto, ma perché mai convocarlo dal questore e con addirittura la presenza del capo della polizia? Sentiva puzza, una puzza tremenda di politica.

“Caro commissario – esordì il questore, che solitamente non era così caro e affettuoso, solitamente si tratteneva a stento dall’insultarlo – siamo qui col capo della polizia perché c’è stato questo delitto che, però, sarebbe una questione un po’… delicata. Sappiamo quanto lei sia capace e solerte (questa era la vaselina prima della penetrazione dei suoi principi), ma è noto anche quanto lei sia impulsivo e a volte privo di riguardi: non lo prenda come un rimprovero…”. No? E che cosa era, allora? Riguardi? Perché mai bisognerebbe avere riguardo per un omicida? Non che lui fosse uno che andava avanti a ceffoni, lui aborriva la violenza, anche quella della polizia: era per questo che non gli piaceva il capo di questa, l’uomo che ordinava le cariche contro i disoccupati che manifestavano per il lavoro, ma poi veniva a chiedergli, ne era certo, cautele verso qualche pezzo grosso implicato in quell’omicidio.

Ed in effetti la vittima era la moglie di un grosso finanziere, molto chiacchierato per tangenti, corruzione, e qualsiasi altro crimine che si possa commettere senza sporcarsi i guanti bianchi che quello, idealmente, indossava.

Protettore e protetto dai politici, noto fedifrago che si faceva fotografare senza vergogna insieme a donnine di facili costumi, spesso di un’età per cui gli sarebbero potute essere non figlie, ma nipoti e non in quanto zio, ma nonno.

Qualche giornale aveva insinuato che avesse speso in pochi anni oltre venti milioni di euro con queste “accompagnatrici”. Nello stesso tempo aveva licenziato e messo sul lastrico alcune centinaia di lavoratori delle sue aziende.

La crisi, si diceva, ma il sesso pare non senta mai crisi e le escort non vadano mai in cassa integrazione.

Con i reati per cui era indagato, per l’indignazione dei suoi sostenitori e dei suoi avvocati, ci sarebbe stato anche da aggiungere decine di suicidi di persone che lui aveva rovinato. “… Ecco, lei punti su una vendetta di quelli che lo accusavano ingiustamente delle loro sfortune. Indaghi, indaghi caro commissario in quella direzione e dia in fretta all’opinione pubblica un colpevole, perché quel galantuomo è già stato messo in croce fin troppo”.

Dio, che schifo! Certo che avrebbe indagato e per primo su di lui, il galantuomo e non per personale antipatia, anche se simpatico non gli era di certo, ma perché in caso di omicidio il primo sospettato è sempre il marito, o la moglie, se la vittima è un uomo.

Se si fosse trattato di vendetta, avrebbero ucciso direttamente lui, ben sapendo che i ricchi non fanno galera: hanno sempre problemi di salute che impediscono loro la vita carceraria, non certo quella del puttaniere.

Il commissario Barbieri aveva pochi uomini fidati e di sicuro molte talpe intorno a sé; prese i due agenti più vicini a lui come modo di pensare e di operare, poi si rivolse direttamente al capo della scientifica, il solo di cui si fidava anche in quel settore.

Presero in esame la scena del crimine, le impronte, le tracce, il modus operandi dell’omicida, che denotava una grande rabbia, più che passione o vendetta indiretta.

C’è da dire che anche un delitto richiede capacità, intelligenza e professionalità, non approssimazione, né delirio d’onnipotenza e intoccabilità.

Non ci misero molto a trovare, nella stanza dove era stato commesso il crimine, la sofisticata videocamera wireless nascosta per riprendere gli incontri amorosi del padrone di casa che, evidentemente voleva poi rivederseli, magari con amici coi quali vantarsene; s’era semplicemente dimenticato di rimuoverla, di nasconderla col suo contenuto.

In realtà a vederlo nudo, come appariva nei suoi filmini, il grande uomo aveva ben poco di cui vantarsi.

Solo che oltre che le sue scopate nell’ultimo appariva anche lui che uccideva la moglie: un caso facile e veloce, come volevano i pezzi grossi.

Alla seconda convocazione i due corvi si dovettero complimentare, seppure a denti stretti, con lui, ma di nuovo si raccomandarono di non coinvolgere altri e quali altri, nella vicenda: nei filmini non c’erano solo eros e thanatos, ma anche incontri “d’affari” con uomini politici di primo piano.

Ci sarebbe stata, gli dissero, una conferenza stampa a cui lui non poteva mancare (ne avrebbero fatto volentieri a meno…), perché i media volevano l’integerrimo commissario che non guarda in faccia a nessuno: misurasse, però, bene le parole e i nomi.

Ma lui, invece, quei nomi li fece, parlò di connivenze, di corruzione, di pressioni ricevute, disse tutto, poi annunciò le proprie dimissioni: non c’era disoccupato più felice e leggero di lui.

Intanto l’assassino aveva avuto un malore in carcere e i suoi avvocati avevano già richiesto i domiciliari in quanto inadatto alla vita carceraria.

 

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su maggio 26, 2017 in Racconti

 

Tag: , , , , , , , , , , ,