RSS

A VECCHIONI (testo della canzone)

07 Set

Questo è un testo scritto da me e musicato dal maestro Carlo Fava. Non è niente di che, ma è una testimonianza e, pertanto, la posto

A VECCHIONI

Ciao Roberto,
devi sapere
che io ascolto solo tue canzoni:
né rock, né “disco”
anche se, beh sai, gli amici…
Tu dici sempre
Cose che ho provato,
a volte canti
la mia disperazione e rabbia,
ma a volte non capisco
e allora ti domando:
“Chi ricordi stasera?
E chi abitava in via Ferrante Aporti?
E perché quelle luci a San Siro
Non sono i riflettori dello stadio?
Dimmi chi era Velasquez
E perché a Rimbaud
la gamba gli fa male.
Conosco anch’io Sestri Levante
E i vetri sulla spiaggia,
ma chi era lei
che se ne va via di spalle?
E dimmi di tuo padre,
di Sergio e di tua figlia
E dell’amico a cui
moriva un sogno.
Dove sei stato
Quei dodici anni senza ritornare?
E poi com’era
Quel suo ciondolo d’oro maledetto?
Se vuoi, se puoi,
spiega ti prego
perché hai scritto le tue canzoni:
cosa provavi,
che cosa provi ancora?
Chi recita in teatro?
E perché il re non si diverte
E poi chi è?
Scrivi ti prego
E canta ancora,
ma non per i “dané”,
ma per chi ti capisce,
per quelli come me.
Fallo e vedrai
Che quelle luci a San Siro
Non moriranno mai….

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su settembre 7, 2011 in Uncategorized

 

Tag: , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: